ASSOFANTE TRIESTE

.

ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEL FANTE SEZIONE PROVINCIALE DI TRIESTE

radunofanti2024trieste.it

 

 

36° RADUNO NAZIONALE DEI FANTI D'ITALIA 

 

I Fanti si ritroveranno a Trieste nella splendida cornice di Piazza Unità d’Italia dopo un lungo periodo di assenza di attività radunistiche e sarà occasione per il rafforzamento dei vincoli di fratellanza e di solidarietà fra tutti i Fanti delle 450 sezioni con più di 12mila iscritti.

 

Nella patriottica Trieste – prima città a riconoscere la cittadinanza onoraria al “milite Ignoto – ricorreranno i 400 anni della costituzione del 1° reggimento di Fanteria , il Reggimento Savoia con il nome di Fleury, divenuto poi “Brigata RE” e poi “San Giusto” e il 70° anniversario del ricongiungimento di Trieste all’Italia.

 

 

 

 

SEZIONE PROVINCIALE DI TRIESTE

FRATELLI SCIPIO (MAVM) e GUIDO SLATAPER (MOVM) 

 

L’Associazione Nazionale del Fante è apolitica ed apartitica, senza fini di lucro. Essa ha carattere esclusivamente patriottico, morale e culturale.

Le sue finalità principali sono:

  • l'amore e la fedeltà alla Patria;
  • il rafforzamento dei vincoli di fratellanza e di solidarietà fra tutti i Fanti, in congedo e in servizio;
  • l'assistenza ai Soci;
  • la collaborazione con le altre Associazioni d'Arma;
  • la promozione di attività culturali, ricreative, sportive ed umanitarie.

La sezione del Fante di Trieste è idealmente unita anche ai reparti di fanteria che furono di stanza a Trieste e ai Fanti che vi prestarono servizio.
Dal 1920 quando in città si insediò il Comando del V Corpo d'Armata, presso Villa Napoleone, comunemente conosciuta come Villa Necker, si sono succeduti numerosi reparti: dal 1920 al 1940 la Brigata Sassari con il 151° e 152° reggimento Fanteria ; dal 1920 al 1939 la Brigata Casale con il 12° reggimento Fanteria fino a quando viene sciolto per formare il 73 Lombardia e poi ricostituito in altra sede; l' 82° Reggimento Fanteria Torino facente parte del Raggruppamento Trieste dal 1954 al settembre 1955, poi entra nella Divisione di fanteria Folgore e rimane fino al 1965, quando viene trasferito in provincia di Gorizia e a Trieste rimane solo il 1° battaglione fino al 1975.
Dal 1957/58 fino al 1962 troviamo opertivo anche il CXXXV Battaglione fucilieri .
Nel 1962 viene costituito e stanziato fino al 1975 il 151º Reggimento fanteria Sassari. Con la ristrutturazione del 1975 viene costituito e rimane per breve tempo il 151º Battaglione motorizzato Sette Comuni.
Dal 1962, venne istituito il Comando Militare di Trieste, poi divenuto Comando Truppe Trieste posto alle dipendenze del V Corpo d'Armata .

Con la riforma dell'Esercito Italiano del 1975 che è stata una delle più radicali che ha interessato l'Esercito Italiano, nel 1975, ad ottobre viene costituito il 1º Battaglione motorizzato San Giusto (che ha ereditato le tradizioni e la bandiera del 1° Fanteria "Re" già Brigata fanteria Savoia), che avrà compiti operativi fino al 1991, diverrà poi battaglione addestrativo e, sempre con i medesimi compiti, nel 1992 verrà elevato al rango di reggimento fino al suo scioglimento nel marzo del 2008 che per le sue origini e tradizioni secolari rappresentò uno dei più antichi reparti dell'Esercito Italiano.

Il comando di zona nel 1986 assunse la denominazione di Comando Militare Regionale Friuli Venezia Giulia poi riconfigurato nel 2002 in Comando Reclutamento e Forze di Completamento Regionale "Friuli Venezia Giulia" .

 

 

INTITOLAZIONE DELLA SEZIONE

SEZIONE PROVINCIALE DI TRIESTE
FRATELLI SCIPIO (MAVM) E GUIDO SLATAPER (MOVM)

SCIPIO SLATAPER
Scipio Slataper nato a Trieste nel 1888, diplomato nel 1908 e poi trasferito a Firenze dove studia Lettere. Tornato a Trieste, nel 1913 sposa Luisa Carniel da cui ha un figlio: Scipio Secondo. Nato sotto il dominio asburgico, Scipio fa parte del movimento degli irredentisti, che lotta per passare dalla dominazione dell’Impero Austro-ungarico al Regno d’Italia. Per questo, allo scoppio del primo conflitto mondiale si arruola volontario nelle fila dell’esercito italiano, fa parte del glorioso 1° Reggimento “Re” e raggiunge il grado di sottotenente di fanteria. Mandato al fronte sul Podgora (noto anche col nome di Monte Calvario), perde la vita il 3 dicembre 1915, durante un’azione nella quale, alla testa dei suoi uomini, si lancia contro una pattuglia austriaca e viene ferito mortalmente alla gola. Per questa azione viene decorato alla memoria con la Medaglia d’Argento al Valor Militare.

GUIDO SLATAPER
Il Guido Slataper , nacque a Trieste il 28 ottobre 1897, fratello di Scipio. Con l'entrata in guerra del Regno d'Italia, il 24 maggio 1915,si arruolò volontario nel Regio Esercito insieme al fratello. Ottenuta la nomina a sottotenente di complemento i due fratelli si arruolarono nel 1º Reggimento fanteria "Re" della Brigata più antica e prestigiosa della fanteria, la Brigata "Re", ed entrambi combatterono sul monte Podgora rimanendo gravemente feriti. Scipio, perse la vita mentre egli sopravvisse, e per il loro eroico comportamento i due fratelli furono entrambi decorati con la Medaglia d’argento al valor militare.

ORGANIZZAZIONE SEZIONE PROVINCIALE DI TRIESTE

Sede
Via XXIV Maggio, 4
34133 TRIESTE TS
Orari di apertura: La sede è aperta ogni primo martedì del mese dalle 17.30 -19.00. E' possibile ottenere l'apertura su appuntamento in altre giornate contattando la presidenza al numero 3471889129

Email: assofantetrieste@gmail.com

Ufficio di Presidenza e Consiglio direttivo

- Presidente : Mauro PIERAZZI (tel. 3471889129)
- Consigliere e Vice Presidente : Pierpaolo PURELLI (tel. 3209374000)
- Consigliere Segretario : Enrico MICHELAZZI
- Consigliere e Tesoriere : Alessandro GIACOMELLI
- Consigliere:Livio FOGAR
- Consigliere:Enrico GOTTARDO
- Consigliere : Dario LONZARIC
- Consigliere:Vincenzo RESCIGNO

Organizzazione a staff del consiglio direttivo:
"Social Media e Comunicazione" Pierpaolo Purelli
"Coordinamento Sicurezza negli Eventi e nel Volontariato" Enrico Michelazzi
"Studi Storia Militare del Territorio" Pierpaolo Donvito

Come iscriversi:
E'necessario contattare l'Associazione, compilare i moduli pubblicati qui di seguito e successivamente la domanda verrà vagliata dal Consiglio Direttivo.
Quota annuale: Socio ordinario 15 euro (è incluso l'abbonamento alla rivista "Il Fante d'Italia"). Per Iscrizioni e rinnovi di quote rivolgersi alla segreteria sociale negli orari di apertura oppure telefonare a 3471889129.

 

Dati amministrativi :conto corrente bancario e codice fiscale 
BCC Venezia Giulia
IBAN: IT93Q0887702201000000705277
Intestato: Associazione Nazionale del Fante- Sezione Provinciale di Trieste

C.F. 90037870327

 

Social:
Facebook: Associazione Nazionale del Fante Sezione di Trieste
Instagram: assnazionalefante_trieste

ISCRIZIONE: Informativa Privacy