NOTIZIE & ATTIVITA'

DIARIO ATTIVITA' 2021

9 GENNAIO 2021
CONSEGNA ATTESTATI DI MERITO PER L'IMPEGNO IN ATTIVITÀ DURANTE LA PANDEMIA E PER SOSTEGNO ALL'ASSOCIAZIONE
Si è tenuta nella Sala Irredenti Della Casa del Combattente la consegna degli attestati di merito a soci e amici. Soci e amici che si sono distinti particolarmente per il sostegno all'associazione e che si si sono impegnati nel corso del 2020 per attività in aiuto alla popolazione nel corso della pandemia del Covid 19. Ringraziamo ancora Rosanna Frinzi (restauro scudo araldico), Manuel Cleva (118 Trieste e task force covid a Pavia), Livio Fogar, segretario della Sezione Associazione del Fante di Trieste (Protezione Civile TS FVG), Graziano Ferlora (asd Evinrude), Tommaso De Mottoni (asd S1 Corsa della Bora) e gli ispettori capo della Polizia Locale Roberto Dellosto, Barbara Foscarini e Fabio Visentin (corsi di autodifesa con l'asd Associazione Professionale Triestina Polizia Locale e aiuto alla popolazione) Alla presenza del Direttivo il Segretario Pierpaolo Purelli e il Presidente Mauro Pierazzi hanno consegnato gli attestati tracciando brevemente le motivazioni e sottolineandone l'impegno professionale e personale di ognuno. Grazie ancora da tutta l'associazione Cravatte Rosse del 1 San Giusto.

27 GENNAIO 2021
GIORNO DELLA MEMORIA
Oggi si è commemorato il Giorno della Memoria per ricordare lo sterminio e le persecuzioni del popolo ebraico e dei deportati militari e politici italiani nei campi nazisti
A Trieste la commemorazione si è alla Risiera di San Sabba, nota per essere stata il primo vero campo di sterminio nazista in Italia.
La nostra bandiera e rappresentanza era presente.


31 GENNAIO 2021
CELEBRAZIONI MILITE IGNOTO
Continua l'attività della nostra Associazione e della Sezione del Fante di Trieste per le attività correlate con le celebrazioni per il "Centenario del Milite Ignoto" . Nei scorsi giorni Mauro Pierazzi e Pierpaolo Donvito assieme al Consigliere comunale Vincenzo Rescigno hanno incontrato S.E. il Vescovo di Trieste mons. Crepaldi, poichè anche la Chiesa sarà coinvolta nelle celebrazioni nazionali.
Ringraziamo il Comune di Trieste per sostenere in modo attivo questo evento. Ricorderete che nei gioni scorsi la Giunta Municipale, su proposta del Sindaco Roberto Dipiazza, ha approvato la delibera per il conferimento della cittadinanza onoraria al Milite Ignoto aderendo così al progetto del Gruppo Medaglie d’Oro al Valor Militare d’Italia e sostenuto dall’ANCI.

5 FEBBRAIO 2021
RICORDIAMO ENZO NOTARO
Con grande tristezza comunichiamo che è mancata una nostra Cravatta Rossa , uno dei Soci Fondatori dell'Associazione, Enzo NOTARO. Il direttivo e tutte le Cravatte Rosse sono vicine alla famiglia.
Nella foto Enzo è il secondo da destra, è stato un socio fondatore e sempre attivo e generoso con l'Associazione. Grazie Enzo.

9 FEBBRAIO 2021
Apprendiamo con dispiacere che è mancato oggi il Generale Camillo Cirillo 86° Comandante del 1°San Giusto negli anni 1994/1995
Formuliamo la più sentite condoglianze alla famiglia.

10 FEBBRAIO 2021
GIORNO DEL RICORDO
Rappresentanza Cravatte Rosse e Associazione Nazionale del Fante alla Foiba di Basovizza

22 FEBBRAIO 2021
Le Cravatte Rosse del 1 San Giusto e i Fanti della Sezione di Trieste esprimono profondo cordoglio per la morte del Carabiniere Vittorio Iacovacci 30 anni, originario della provincia di Latina, era in forza al 13° Reggimento “Friuli Venezia Giulia” di Gorizia e di Luca Attanasio, Ambasciatore d’Italia nella Repubblica Democratica del Congo uccisi in un agguato ad un convoglio ONU.

7 MARZO 2021
Abbiamo appreso che è venuto a mancare il Maresciallo Maggiore Aiutante Filippo Levità che fu in servizio al Battaglione 1° San Giusto.
Le Cravatte Rosse, la Sezione del Fante di Trieste soci e Direttivo porgono le sentite condoglianze alla famiglia e ai parenti.

11 MARZO 2021
CIAO TSARA
La nostra piccola Tsara ci ha salutato. Come ci racconta Livio Fogar, Tsara avrebbe compiuto 15 anni, "mi consolo pensando che il suo l'ha vissuto e bene, per me è un momento doloroso ma i cani soffrono di più quando sono loro a restare soli"
Per noi Cravatte Rosse è stata la nostra mascotte, che ci teneva compagnia in diverse manifestazioni, attirando simpatie e strappando coccole da tutti.

19 MARZO 2021
NUOVI ORIZZONTI PER LA CASERMA VITTORIO EMANUELE III
Una Task Force con Cassa Depositi e Prestiti, Comune di Trieste , Regione FVG e Università di Trieste per una possibile svolta per l'ex caserma di via Rossetti
https://www.triesteprima.it/cronaca/caserma-rossetti.html

23 MARZO 2021
ANCORA UN INCENDIO NEGLI EDIFICI DELLA CASERMA DI VIA ROSSETTI
nella giornata del 21 marzo l'ennesimo rogo ha interessato una palazzina della nostra Caserma Vittorio Emanuele III. Pronto l'intervento dei Vigili del Fuoco che hanno limitato, così, i danni alle strutture.


28 MARZO 2021
77ESIMO ANNIVERSARIO DELLE FOSSE ARDEATINE
A Roma, il 24 marzo 2021, in Piazza di Monte Citorio si è ricordato 77esimo anniversario delle Fosse Ardeatine, onore ai 335 italiani giustiziati nel 1944. Era presente anche il nostro Marco Pasquali insieme a Pasquale Trabucco, Presidente del Comitato Nazionale per il il ripristino della festa del 4 novembre.

31 MARZO 2021
Oggi ricordiamo la data del 31 marzo 2008, che tristemente rappresenta lo scioglimento del nostro reparto . Nella nostra memoria rimangono la storia, i fatti d'arme o semplicemente episodi riguardanti il 1° Fanteria "San Giusto" Reggimento/Battaglione dalle sue più lontane origini del 1624 al 2008 .
W le Cravatte Rosse !
W la fanteria !

4 APRILE 2021
EMERGENZA COVIS : IN PRIMA FILA IL NOSTRO MANUEL CLEVA
E' per il secondo anno una Pasqua diversa, stiamo lottando contro una malattia invisibile, stiamo sacrificando molti aspetti della nostra vita, alcuni sono stati colpiti dalla malattia, stiamo a volte purtroppo soffrendo la perdita dei cari o per le difficoltà economiche. C'è chi però vigila e ci aiuta 24 ore su 24 . In questa foto il nostro socio Manuel Cleva in attività oggi per il 112 a Trieste con l'ASUGI. Un profondo grazie per il costante impegno e dedizione a questi professionisti dell'emergenza. Buona Pasqua a loro e ai loro cari.

12 APRILE 2021
Apprendiamo che è mancato all'età di 91 anni il Generale Pasquale Gallo, già comandante del Presidio Militare di Trieste del Comando Truppe Trieste negli anni 80.
Le Cravatte Rosse e i Fanti della Sezione di Trieste formulano le più sentite condoglianze alla famiglia.

16 APRILE 2021
Esprimiamo tutto il nostro cordoglio alla famiglia del Mar. Magg. Alberto Lovison, Comandante del Nucleo Comando della Compagnia di Aurisina (TS), e siamo vicini a tutti i Carabinieri del Comando di Aurisina.

18 APRILE 2021
OCCHIO DI DIO PER LA LILT
Bellissima iniziativa della Lilt con la coorganizzazione del Comune di Trieste al Salone degli Incanti (ex Pescheria); la creazione di un grande Ojo de Dios per la LILT Trieste, per sostenere la ricerca contro i tumori e sensibilizzare la cittadinanza sulla centralità della salute, che passa anche attraverso la cultura, l’arte e la bellezza.
L'Ojo de Dios (in italiano “Occhio di Dio”) è un manufatto artistico, simile a un Mandala di forma quadrata, simbolo di provvidenza, benaugurale e protettivo.
L’organizzazione ha curato l’iscrizione dell’evento ai Guinness World Records, con la speranza di ricevere il riconoscimento ufficiale del primato e, con questo, una maggiore risonanza in termini di impatto e sensibilizzazione condivisa.
Nel rispetto delle attuali disposizioni normative anti – Covid, l’evento si svolge in assenza di pubblico e viene trasmesso su questa pagina in diretta live.
In diretta dal Salone degli Incanti di Trieste, con la coorganizzazione del Comune di Trieste: creazione di un grande Ojo de Dios per la LILT Trieste, per sostenere la ricerca contro i tumori e sensibilizzare la cittadinanza sulla centralità della salute, che passa anche attraverso la cultura, l’arte e la bellezza.
L'Ojo de Dios (in italiano “Occhio di Dio”) è un manufatto artistico, simile a un Mandala di forma quadrata, simbolo di provvidenza, benaugurale e protettivo.
L’organizzazione ha curato l’iscrizione dell’evento ai Guinness World Records, con la speranza di ricevere il riconoscimento ufficiale del primato e, con questo, una maggiore risonanza in termini di impatto e sensibilizzazione condivisa.
Nel rispetto delle attuali disposizioni normative anti – Covid, l’evento si è svolto in assenza di pubblico ed è però stato trasmesso in diretta live sul web
Le Cravatte Rosse erano presenti a sostegno dell'iniziativa come ormai da più di un anno a fianco della LILT

25 APRILE 2021
FESTA DELLA LIBERAZIONE
Resana (TV)
il socio Dal Bon Pietro alla cerimonia 25 aprile Resana (Tv).
Trieste - Risiera di San Sabba
Il socio Livio Fogar con la bandiera della Sezione del Fante.

2 GIUGNO RADUNO CRAVATTE ROSSE ANCORA RIMANDATO
ARRIVEDERCI AD OTTOBRE
Carissimi amici, il raduno del 2 giugno causa le restrizioni delle misure anti Covid non si terrà. Anche la cerimonia della Festa della Repubblica, su diposizione delle autorità, si terrà con la partecipazione di solo 2 rappresentanti per Associazione d'Arma.
Vogliamo essere fiduciosi che per ottobre potremmo finalmente ritrovarci e rientrare nella nostra Caserma (riottenendo le autorizzazioni avute l'anno scorso ) . Continuate a seguirci e vi manterremo informati su queste pagine.

6 MAGGIO 2021
ALZABANDIERA ALLA FOIBA DI BASOVIZZA
Le Associazioni d'Arma coordinate dalla Federazione Grigioverde hanno presenziato all'alzabandiera alla Foiba di Basovizza. Primo evento della stagione che si ripeterà ogni settimana gestito in alternanza dalle associazioni d'Arma secondo un calendario prestabilito che prevederà l'alza e ammaina bandiera nella giornata di domenica.

8 MAGGIO 2021
LETTERA DEL PRESIDENTE MAURO PIERAZZI IN CHIUSURA DI MANDATO IN ATTESA DELLE IMMINENTI ELEZIONI SOCIALI
Buonasera, cari amici/amiche fra pochi giorni ci saranno le nuove elezioni per il rinnovo delle varie cariche dell'associazione. Facendo un breve riassunto di questi anni della mia Presidenza, penso che la conduzione sia stata positiva, abbiamo costruito molto, sia in termini di credibilità, serietà e affidamento, in tutte le attività dove siamo stati chiamati ad operare.
Naturalmente senza l'aiuto dei socie/i questi traguardi non si sarebbero potuti realizzare, un grazie va al Consiglio Direttivo sempre presente nelle decisioni sia piccole che importanti, il Collegio dei Probiviri e il Collegio dei Revisori dei conti che quando interpellati si sono messi subito a disposizione.
Poi un grazie particolare a tutti gli amici che risiedono nelle altre regioni che riescono in ogni modo a partecipare alle attività locali e cerimonie rappresentandoci; infine importantissimo il contributo delle quote sociali e delle donazioni di amici e anche di simpatizzanti che ci permettono di far vivere l'associazione.
Fra le varie attività svolte, voglio ricordare una che mi ha particolarmente colpito è stato il raduno nella cittadina di S. Angelo di Piove di Sacco (Pd), dove abbiamo realizzato forse uno dei più bei raduni organizzati, questo si è potuto realizzare grazie al nostro Don Angelo, a Mauro Frigo che sono riusciti a far confluire nella cittadina una marea di soci, voglio inoltre ringraziare i soci che risiedono a Roma, Marco Pasquali e Francesco Coletta per l'impegno profuso finalizzato ad ottenere le autorizzazioni dalla Cassa Depositi e Prestiti per poter avere accesso alla nostra caserma Vittorio Emanuele III di via Rossetti a Trieste, dove realizzeremo il raduno che tutti aspettano, Covid permettendo.
Grazie a tutti voi per l'affetto e la vicinanza che in questi anni avete dimostrato grazie ancora con tutto il cuore.
Mauro Pierazzi

14 MAGGIO 2021
MANUEL CLEVA: UN INFERMIERE IN CRAVATTA ROSSA
Abbiamo il piacere di pubblicare un intervista rilasciata dal nostro socio Manuel Cleva - di professione ora infermiere presso l'ASUGI - alla televisione regionale del FVG Telequattro.
L'occasione è stata la Giornata Internazionale dell'Infermiere.
Manuel Cleva ha iniziato il percorso della professione infermieristica nell’Esercito Italiano ora opera quotidianamente nel servizio del 112 .
Fa parte del Consiglio Direttivo, come consigliere, dell'Ordine delle Professioni Infermieristiche . Interessante seguire l'intervista per comprendere le difficoltà e le problematiche del mondo degli infermieri.
Com'è nata la giornata internazionale dell'infermiere.
Il 12 maggio 1820 è nata Florence Nightingale, fondatrice delle Scienze infermieristiche moderne. L’International Council of Nurses ricorda questa data celebrando in tutto il mondo la Giornata internazionale dell’Infermiere.
A partire dal 1992 la Federazione nazionale Collegi Ipasvi sostiene la Giornata internazionale dell’Infermiere anche con la diffusione di manifesti che sottolineano l’impegno degli infermieri italiani sui temi della solidarietà e dell’alleanza con i pazienti e le loro famiglie. Gli slogan proposti in oltre un decennio ribadiscono tutti la scelta di stare “dalla parte del cittadino”.
Il 12 maggio è così diventato l’occasione per far sì che la professione infermieristica “parli un po’ di sé” con i ricoverati negli ospedali, con gli utenti dei servizi territoriali, con gli anziani, con gli altri professionisti della sanità, con i giovani che devono scegliere un lavoro, con tutti coloro – insomma – che nel corso della propria vita hanno incontrato o incontreranno “un infermiere”.

16 MAGGIO 2021
IL PARCO DEL COMANDO "TRUPPE TRIESTE" DIVENTERA' UN GIARDINO PER LA CITTADINANZA
Il parco di Villa Necker , ora Comando Militare Esercito Friuli Venezia Giulia, ma a suo tempo Comando di Presidio e sede del Comando Truppe Trieste negli anni 80, verrà aperto al pubblico. Una buona parte del parco verrà ceduta al Comune che la renderà fruibile al pubblico come guardino. Attendiamo ora i passaggi burocratici, non certo semplici, che porteranno alla fase esecutiva del progetto. Nella medesima area trova collocazione nel sottosuolo un bunker, utilizzato come comando operativo all'apoca della Guerra Fredda e ben prima dalle truppe tedesche come rifugio. L'articolo è apparso sull'edizione de "Il Piccolo" del 15 maggio 2021.

16 MAGGIO 2021
IL COMUNE DI TRIESTE SI ATTIVA PER ACQUISTARE LA CASERMA DI VIA ROSETTI "VITTORIO EMANUELE III"
Un'operazione complessa quella illustrata nell'articolo de IL Piccolo del 15 maggio 2021. Il Comune di Trieste è infatti in trattativa con la Cassa Depositi e Prestiti per l'acquisto dell'area da destinarsi al un grande campus scolastico e universitario nel cuore della città.

22 MAGGIO 2021
CITTADINANZA ONORARIA AL MLITE IGNOTO
Si terrà lunedì 24 maggio, la consegna della cittadinanza onoraria di Trieste al Milite Ignoto nell'ambito delle manifestazioni per il centenario ( 1921 - 2021) . Le Cravatte Rosse del 1° San Giusto ed i Fanti della Sezione di Trieste dell'A.N. del Fante saranno presenti accompagnati per l'occasione dal Presidente Nazionale del Fante dott. Gianni Stucchi . Un programma intenso che avrà inizio in Piazza Unità d'Italia con l'alza bandiera e proseguirà con il programma fitto che qui pubblichiamo ( passibile di variazioni )
PROGRAMMA
ore 9.00 – piazza Unità d’Italia
Alzabandiera
ore 10.00 - S. Giovanni di Duino
Raccolta delle acque del fiume Timavo e benedizione del Vescovo di Trieste.
ore 17.30 – Parco della Rimembranza
Deposizione di una corona al Monumento ai Caduti
e partenza della Fiaccola commemorativa
ore 19.30 – piazza Unità d’Italia
Conferimento della Cittadinanza Onoraria del Comune di Trieste al Milite Ignoto
da parte del Consiglio comunale di Trieste, convocato in seduta solenne e presieduto dal Cavalier Francesco di Paola Panteca,
alla presenza del Generale Rosario Aiosa decorato di Medaglia d’Oro al Valor Militare
ore 20.30 – piazza Unità d’Italia
Ammainabandiera
Accensione del Tricolore sulla facciata del Palazzo comunale

23 MAGGIO 2021
ALLA SOCIETA' GINNASTICA TRIESTINA SI RICORDANO I SOCI CADUTI NEL PRIMO CONFLITTO MONDIALE
Abbiamo partecipato alla cerimonia che ha ricordato, nella ricorrenza dell'inizio della prima Guerra Mondiale nel 1915 e l'entrata in guerra dell'Italia. nella storica e bellissima sede della SGT si è commemorato il sacrificio umano dei suoi soci: 500 militarono tra i ranghi dell'esercito italiano, 67 caddero in trincea, e molti altri, rimasti in Austria, vennero deportati, incarcerati o morirono in Galizia, combattendo per una causa altrettanto straniera del nemico che combattevano. La nostra bandiera di Sezione del' A.N del Fante era presente.

24 MAGGIO 2021
OGGI SI CELEBRA LA FESTA DELLA FANTERIA
Nella foto il nostro socio Marco Pasquali con alle spalle il medagliere nazionale dell'Associazione Nazionale del Fante.
Con riferimento alle sole onorificenze concesse per i fatti d'arme della 1^ Guerra Mondiale, il Medagliere si presenta onusto di gloria. Esso, infatti, si fregia di 2 Croci dell'Ordine Militare di Savoia, di 86 Medaglie d'Oro al Valor Militare conferite ai Reggimenti di Fanteria e di 655 Medaglie d'Oro al Valor Militare conferite a singoli Fanti. Incalcolabili poi sono le medaglie d’argento, quelle di bronzo, le Croci di Guerra e al Merito di Guerra.
( dal sito web "Esercito Italiano )
FESTA: 24 maggio - anniversario dell'inizio della Prima guerra mondiale per l'Italia (1915).
PATRONA: San Martino (11 novembre).
CONCESSIONE BANDIERA: decreto 23 marzo 1982.
Ha origine dalla fanteria sabauda nella quale le prime unità organiche sono istituite nel 1619 sotto Carlo Emanuele I, ma soltanto nel 1664 saranno ordinati stabilmente sei reggimenti, ciascuno con il nome di una delle provincie dello Stato, ad eccezione delle "Guardie", e con un proprio ordine di anzianità.
Carlo Emanuele IV, il 9 dicembre 1798 a seguito dell'occupazione francese del Piemonte, proscioglie dal giuramento di fedeltà le sue truppe, ad eccezione del Reggimento di Sardegna, stanziato nell'isola.
Con la restaurazione del 1814 ha inizio la ricostituzione dei reggimenti di fanteria i quali nel 1839 assommano a 20 e per la campagna del 1848 ne sono costituiti quattro provvisori.
Nel corso degli anni l'Arma già ordinata in due specialità, Fanteria di Linea e Granatieri, da origine a nuovi Corpi come i Bersaglieri, fondati il 18 giugno 1836 e gli Alpini il 15 ottobre 1872.
Con successivi ordinamenti si registra un notevole aumento degli organici, che raggiunge la punta massima dopo le annessioni e l'espansione territoriale dello Stato, ed alla vigilia della Prima Guerra Mondiale i Reggimenti dell'Arma sono 94 più due di Granatieri, 12 Bersaglieri ed 8 Reggimenti Alpini.
Durante la Guerra il numero dei reggimenti arriva fino a 244 (21 per i Bersaglieri ed 88 battaglioni per gli Alpini) inseriti in 120 Brigate di Fanteria delle quali quattro ternarie (su tre reggimenti di fanteria). Terminato il conflitto, per il quale tutte le unità dell'Arma ricevono l'Ordine Militare d'Italia, il grosso dei reggimenti costituiti viene sciolto, ad eccezione di quelli che si sono guadagnati sul campo la Medaglia d'Oro al Valor Militare.
Con l'ordinamento 1926, che prevede le Brigate ternarie, i reggimenti di Fanteria in vita sono 90 distribuiti in trenta Brigate.
Nel 1927 si formano i primi reparti della specialità Carrista, oggi specialità della Cavalleria.
Con la riforma successiva, l'Esercito passa alle Divisioni binarie e l'Arma di Fanteria allinea 119 reggimenti inseriti in 59 Divisioni.
Nel corso del conflitto fino al 1943 saranno costituiti altri 43 reggimenti.
Fin dal 1938 intanto era in corso di formazione la specialità più ardita dell'Arma, i Paracadutisti, che nel corso della guerra daranno prove di estremo valore su tutti i fronti che li vedranno protagonisti. Durante la Guerra di Liberazione diverse unità pluriarma prendono parte ai combattimenti, 1° Raggruppamento Motorizzato, Corpo Italiano di Liberazione e quindi sei Gruppi di Combattimento ("Friuli", "Folgore", "Legnano", "Mantova", "Cremona" e "Piceno"), con otto Divisioni ausiliarie.
Nel secondo dopoguerra, l'Arma di Fanteria segue l'evolversi della Forza Armata. Già nel novembre 1945 le unità esistenti vengono inserite nell'Esercito di Transizione che nell'arco di tre anni darà vita all'ossatura della nuova Forza Armata.
Dal 1951 la specialità più giovane dell'Arma veniva alla luce: i Lagunari, componente anfibia della Forza Armata venivano costituiti a Venezia.
Fortemente toccata dalla ristrutturazione del 1975 con la creazione dei Battaglioni autonomi, sarà radicalmente trasformata nel corso degli anni novanta. Per decreto 23 marzo 1982 anche l'Arma di Fanteria riceve la Bandiera di Guerra, custodita dal Comandante della Scuola di Fanteria.
Oggi i l'Arma di Fanteria allinea le specialità Granatieri, Bersaglieri, Alpini, Paracadutisti e Lagunari.

24 MAGGIO 2021
IL PRESIDENTE DELL' ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEL FANTE, GIANNI STUCCHI IN VISITA ALLA SEDE DI TRIESTE
In occasione delle cerimonie per il Centenario del Milite Ignoto ed in particolare il conferimento da parte del Comune di Trieste della cittadinanza onoraria al Milite Ignoto, il dott. Gianni Stucchi ha incontrato il nostro presidente Mauro Pierazzi e visitato la nostra sede presso la Casa del Combattente.
Presenti anche il Presidente della sezione del Fante di Brescia e alcuni soci e membri del direttivo e organi collegiali delle Cravatte Rosse e della Sezione di Trieste del Fante . Con l'occasione è stata consegnata un targa a ricordo della giornata e visita a Trieste.

2 GIUGNO 2021
FESTA DELLA REPUBBLICA IN PIAZZA UNITÀ A TRIESTE
Consueto appuntamento, ancora in una forma di attenzione per i contagio Covid, in piazza Unità d'Italia a Trieste. Cerimonia dell'alza Bandiera con il nostro Presidente e la bandiera della Sezione del Fante di Trieste.

2 GIUGNO 2021
SI TORNA A FARE SPORT, 400 ATLETI ALLA KOKOS TRAIL
Presenti a supporto e sicurezza della gara organizzata da Graziano Ferlora di ASD Evinrude. In una splendida giornata 400 runner hanno percorso i sentieri carsici tra Basovizza campo sportivo dello Zarja e il monte Kokos/Cocusso. Due gli attraversamenti stradali sulla provinciale che abbiamo presidiato favorendo il transito in sicurezza degli atleti. Foto finale con l'Assessore Michele Lobianco.


2 GIUGNO 2021
VINCENZO RESCIGNO INSIGNITO DELL'ONOREFICENZA DI UFFICIALE DELLA REPUBBLICA AL MERITO
Ci congratuliamo con il nostro consigliere Vincenzo Rescigno per il titolo assegnatoli dal Capo dello Stato e conferito nell'ambito delle celebrazioni della Festa dell Repubblica.
L'Ordine al merito della Repubblica -Istituito con la legge 3 marzo 1951, n. 178 e reso operativo nel 1952, - nacque con lo scopo di «ricompensare benemerenze acquisite verso la Nazione nel campo delle lettere, delle arti, dell'economia e nell'impegno di pubbliche cariche e di attività svolte a fini sociali, filantropici e umanitari, nonché per lunghi e segnalati servizi nelle carriere civili e militari».
Il Presidente della Repubblica può conferire l'onorificenza, di propria iniziativa, per «benemerenze di segnalato rilievo nel campo delle attività sopra indicate e per ragioni di cortesia internazionale»

4 GIUGNO 2021
CENTO ANNI DEL MILITE IGNOTO
Il ricordo del Milite Ignoto per noi Fanti e Cravatte Rosse de 1° Fanteria assume una particolare importanza.
A fine ottobre il treno della memoria ripercorrerà il viaggio da Aquileia a Roma un li go viaggio che noi seguiremo.
Ricordiamo che Maria Maddalena Bergamas di Trieste è stata la donna italiana che fu scelta in rappresentanza di tutte le madri italiane che avevano perso un figlio durante la Prima guerra mondiale, del quale non erano state restituite le spoglie. Suo figlio Antonio Bergamas scelse di arruolarsi come fante nella Brigata Re (1 e 2 fanteria) nel maggio del 1915, portando così la cravatta rossa. Nell'estate dello stesso anno partecipò ad un concorso a Cormons per essere ammesso alla Scuola Militare di Modena ma venne respinto per aver scritto un tema ritenuto dagli esaminatori troppo ironico e sovversivo. Data però la penuria di ufficiali dell'esercito italiano, nei mesi successivi riuscì comunque a partecipare al corso diventando sottotenente della Brigata Barletta con cui combatté sul Monte Sei Busi e nella zona di Castelnuovo. Cadde eroicamente sull'altopiano di Asiago il mattino del 18 giugno 1916, Sepolto dai suoi commilitoni in zona, il suo corpo non venne mai ritrovato. Si ritiene che le sue spoglie riposino all'interno della fossa comune del Cimitero Militare Monumentale "Medaglia d'Oro Pietro Marocco" di Arsiero.
Simbolicamente però, il suo corpo si trova all'Altare della Patria. Riconosciuto da sua madre tra 11 caduti ignoti.

6 GIUGNO 2021
ORARI APERTURA SEDE
Il nuovo Consiglio Direttivo ha deliberato, la riapertura della sede a Trieste il primo Martedì di ogni mese dalle ore 17,30 alle 19,00, è gradito un appuntamento per ottimizzare l'afflunza sulla base delle normative anti Covid .
Contatto telefonico 3471889129
Il Presidente.

ATTIVITA' 2020

ATTIVITA' 2019

ATTIVITA' 2018

 

 

ATTIVITA' 2017